Con la maglia della Juventus U17
Con la maglia della Juventus U17 (Facebook)

Carlo Manicone, già un "Golden Boy"

Il figlio del vice di Petkovic ha un futuro scintillante davanti

La partenza di Carlo Manicone - 19 anni, figlio di Antonio, ex calciatore e attuale vice di Vladimir Petkovic sulla panchina della Nazionale svizzera - è quella del più classico dei predestinati. A sottolineare il valore dell'attaccante e capitano della Primavera dell'Empoli c'è poi il premio di Golden Boy, ricevuto un paio di settimane fa come miglior giocatore del Torneo di Viareggio, dove i toscani sono stati superati solo in finale dal Sassuolo ai rigori.

Tutto molto bello, ma non è stato certo facile. "La gente vede il giocatore, ma non ciò che ci sta dietro - racconta il giovane talento ai microfoni di Rete Uno Sport - A quindici anni sono uscito di casa e non è mai facile lasciare famiglia e amici. Siamo molto uniti, ci vogliamo un gran bene, e questa è la mia forza principale. Quando ci sono momenti di difficoltà riesco ad uscirne grazie a loro, soprattutto a mio fratello, sempre disponibile e pronto a darmi una mano, ma anche a mio padre, un esempio per me, le mie sorelle e poi ovviamente a mia madre, che lega insieme tutto".

"L'etichetta di 'figlio di papà' la sentivo di più da piccolo, ma ho sempre risposto coi fatti sul campo" Carlo Manicone

E proprio il papà è sempre lì a dare buoni consigli. "Compito di un genitore - dice proprio Antonio Manicone - è quello di far capire ad un ragazzo che ciò che conta è il presente, e il presente è lo studio. Comunque i ragazzi devono avere dei sogni e devono cercare a tutti i costi di andare a prendere questi sogni e raggiungere i propri obiettivi". Passato dal Team Ticino U16 e dalla Juventus U17, Carlo Manicone, anche studente in economia all'Università di Firenze, presto farà il salto nei professionisti. "Per me l'importante è trovare una squadra che ti dia fiducia, e potrebbe anche essere il Lugano, perché no?".

Condividi