Si è più volte commosso durante la conferenza stampa
Si è più volte commosso durante la conferenza stampa (Ti-Press)

Clamoroso, il Lugano torna ad Angelo Renzetti

L'assemblea totalitaria ha revocato gli amministratori De Souza e Valbusa

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Angelo Renzetti è di nuovo l'amministratore unico della FC Lugano SA. L'assemblea totalitaria tenutasi oggi ha infatti revocato con effetto immediato gli amministratori Thyago De Souza e Giammarco Valbusa, rimasti in carica per soli 20 giorni. "Chiedo scusa, ho portato avanti una trattativa senza avere le garanzie necessarie - ha detto un amareggiatissimo numero uno bianconero - Le cose ora sono diventate molto più difficili a livello morale, organizzativo ed economico, ma cerchiamo di rimetterci in marcia. Abbiamo da scalare una montagna, ma dopo aver portato avanti questo club per quasi 11 anni non voglio vederlo morire".

Cerchiamo di ricostruire la famiglia che eravamo Angelo Renzetti

"Avere lo stesso budget della scorsa stagione è impossibile, ma mi sono già mosso per trovare degli aiuti - ha proseguito Renzetti - I problemi principali sono due, l'allenatore Abel Braga, che è in gamba, ma che non so se ora troverà a Lugano quello che si aspetta e quindi probabilmente tornerà in Brasile, e Demba Ba, un giocatore del quale potremmo aver bisogno e che in linea di principio vorrei che restasse. Bisogna però capire che prospettive di carriera ha per quando lascerà il calcio giocato".

Il rapporto con Leonid Novoselskiy ultimamente si era un po' rovinato, ma oggi ci siamo guardati in faccia e ci siamo detti che il Lugano viene prima di qualsiasi altra cosa Angelo Renzetti

"Parlare di De Souza e Valbusa mi fa male, non voglio sprecare energie. Mi avevano fatto una buona impressione, in una situazione di difficoltà ho visto il bicchiere mezzo pieno, ma alla fine non avevano ancora messo un centesimo né per me, né per la squadra. Thyago un'ora fa mi ha chiamato per dirmi che lui c'è e che, con tempistiche più lunghe, potrebbe veramente portare delle sponsorizzazioni e comprare il Lugano. Io continuo a crederci, tanto non mi costa niente, l'importante per me è essere al volante e non nel baule", ha sottolineato un commosso presidente.

"Dovesse cambiare allenatore un nome in testa già ce l'ho, ma se Maurizio Jacobacci non fosse già impegnato con il Grenoble è chiaro che punterei su di lui", ha dichiarato Renzetti. Il quale, punzecchiato sull'ipotesi Mario Frick, ha smentito dicendo di cercare un nome più "tranquillo". In pole position sembra esserci Baldo Raineri, attuale tecnico del Chiasso retrocesso in Promotion League.

 

 

Condividi