L'esultanza di Celar, autore dell'1-0
L'esultanza di Celar, autore dell'1-0 (Ti-Press)
Lugano
2
Young Boys
1
  • 20' Celar
  • 82' Amoura
  • 90' Rieder
Tabellino Risultati e classifiche

Grande impresa del Lugano in Coppa Svizzera

Battuto l'YB per 2-1 negli ottavi di finale davanti al folto pubblico di Cornaredo

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il Lugano ha superato il difficilissimo ostacolo chiamato Young Boys e si è così qualificato per i quarti di finale di Coppa Svizzera. Davanti ai quasi 6'000 spettatori di Cornaredo, che hanno dunque risposto in massa all'entrata gratuita offerta dalla società, i bianconeri si sono imposti per 2-1 grazie a un ottimo primo tempo, che ha portato al vantaggio di Celar, e alla grande capacità di erigere un fortino davanti a Saipi nella ripresa per poi colpire in contropiede con Amoura.

Con Bottani regolarmente in campo, ma senza Maric e Daprelà, i ticinesi hanno iniziato con il piglio giusto il confronto, procurandosi già al 10' un generoso rigore per gomitata di Martins a Celar. Dal dischetto Ziegler si è clamorosamente fatto ipnotizzare da Von Ballmoos, che nell'intervento si è infortunato a una spalla, dovendo lasciare spazio al 18enne esordiente Laidani. L'errore dagli 11 metri non ha però cambiato l'inerzia della partita e così Sabbatini e compagni sono passati con merito in vantaggio al 20' con Celar, abile a sfruttare l'ottimo lavoro di interdizione di Custodio. I primi 45' si sono poi conclusi con un'indecisione di Saipi su Elia, il cui tiro a porta vuota è stato respinto in extremis da Hajrizi.

Grandissima sofferenza per la truppa di Croci-Torti in avvio di ripresa, dopo che Wagner ha inserito Fassnacht ed Aebischer cambiando decisamente volto ai campioni svizzeri. Proprio l'attaccante numero 16 nei primissimi minuti ha fatto tremare per due volte il palo alla sinistra del portiere luganese. All'82' però, dopo oltre mezzora giocata a una porta sola, il contropiede dell'appena entrato Amoura ha permesso ai bianconeri di raddoppiare, rendendo solo cosmetico il gol di Rieder su punizione al 90'.

 
Condividi