Quasi quarant'anni di carriera in RAI
Quasi quarant'anni di carriera in RAI (Facebook)

L'ultima radiocronaca di Riccardo Cucchi

Una delle voci storiche di "Tutto il calcio minuto per minuto"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Negli scorsi giorni ha fatto il suo ultimo annuncio nella storica trasmissione radiofonica della RAI "Tutto il calcio minuto per minuto". Quell'"è davvero tutto" è stato, questa volta, davvero tutto. Perché Riccardo Cucchi ha appeso le cuffie al chiodo ed è andato in pensione, chiudendo così un capitolo importante nella storia del giornalismo sportivo italiano.

Un finale di carriera ricco di attestati di stima: su tutti probabilmente lo striscione apparso nella curva dell'Inter in occasione della sua ultima partita. "Sono rimasto sorpreso, non mi sarei mai aspettato un clamore del genere - ha raccontato lo stesso Cucchi al microfono del collega di Rete Uno Sport Paolo Laurenti - Noi della radio non siamo abituati a stare sotto i riflettori. Quello striscione lo reputo innanzitutto come un amore per la radio".

"Quando ho detto per l'ultima volta 'linea allo studio' ho pensato a quanto fossi stato fortunato, perché è davvero il più bel mestiere del mondo" Riccardo Cucchi

Una lista infinita di radiocronache, tra Serie A, ma anche in occasioni di Mondiali, Europei e Olimpiadi. Ma cosa è mancato raccontare a Riccardo Cucchi? "Mi sarebbe piaciuto fare la cronaca della maratona di Dorando Pietri (alle Olimpiadi di Londra 1908, ndr), quel dramma sul traguardo. Quella storia è una parafrasi dell'intero sport, con le sofferenze, il dolore, la vittoria che si trasforma in sconfitta: è qualcosa che mi ha sempre colpito".

 

 

Condividi