Indicando la strada per il successo
Indicando la strada per il successo (Keystone)

Per Murat Yakin gli esperimenti sono finiti

Il tecnico della Nazionale ha le idee chiare in vista dei prossimi impegni premondiale

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Le prossime due partite di Nations League contro Spagna e Cechia rappresentano il crocevia nella competizione. "È chiaro che ora non possiamo più fare dei test - ha dichiarato Murat Yakin - Domani (in diretta su LA2 e in streaming alle 20h45) sarà un match difficile, ho tutta la squadra a disposizione e scenderanno in campo i migliori". Contro entrambe le squadre la Svizzera ha le sue possibilità: "È imperativo portare a casa risultati positivi, domani e martedì ci giochiamo la permanenza nel gruppo A", ha spiegato il tecnico elvetico in conferenza stampa.

Le vittorie? Secondo me le si costruiscono dalla difesa Silvan Widmer

"Non abbiamo messo in campo diverse formazioni - ha spiegato il 48enne basilese - È stata cercata la flessibilità negli schemi e abbiamo allenato il nostro sistema di gioco difensivo e offensivo". Lo schema 4-3-3 è conosciuto da tempo: "In difesa siamo solidi, a centrocampo Granit Xhaka è una sicurezza e negli altri ruoli abbiamo molta duttilità. E sicuramente contro la Spagna di Luis Enrique, che gioca un calcio moderno e che ha giocatori giovani e molto tecnici, potrà certamente tornarci utile", ha concluso l'ex difensore della Nazionale.

Busquets? È un fenomeno, pressandolo forse in 90' qualche palla la perde Silvan Widmer

La difesa svizzera è sempre più al centro dei top club, quindi è forse la più forte? "Calma, calma, siamo forti e possiamo fare sicuramente molto bene - ha esordito Silvan Widmer - Giochiamo contro la Spagna che è una delle squadre più forti al mondo quindi dobbiamo essere molto bravi in tutti i ruoli, insomma giocare assieme". La Nations League e le apparizioni della Nazionale nel recente passato non sono state però esemplari: "In quelle partite abbiamo fatto male ma stavamo costruendo, ci sono stati risultati positivi che ci hanno caricati. Ora siamo pronti, testa a Spagna e Cechia poi al Mondiale", ha concluso il 29enne argoviese.

La probabile formazione: Sommer; Rodriguez, Elvedi, Akanji, Widmer; Sow, Xhaka, Freuler; Vargas, Embolo, Shaqiri

 
 
 
Condividi