In studio Fulvio Biancardi e Francesco Bianchi
In studio Fulvio Biancardi e Francesco Bianchi (rsi.ch)

"Questa situazione non è più tollerabile"

Il calcio regionale deve reagire dopo i fatti di violenza, se n'è parlato alla DS

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

I gravi fatti registrati durante il match di Terza Lega tra Semine e Locarno sono stati il punto di partenza di un approfondimento che la Domenica Sportiva ha voluto dedicare all'allarmante problema della violenza nei campi di calcio regionale. "È un'immagine pessima per il calcio regionale, queste situazioni non devono più essere tollerate - ha affermato Fulvio Biancardi, presidente della Federazione ticinese di calcio - E per questo che cercheremo di intervenire in modo severo perché tutto ciò non è più tollerabile".

Rispetto al passato la situazione è peggiorata perché si verificano degli episodi di violenza e aggressività molto più frequenti: sta quasi diventando la regola Fulvio Biancardi

Punizioni che devono essere severe ma non eclatanti, secondo Silvio Papa: "Le società devono far passare il messaggio del fair play ai giocatori e anche a certi allenatori - ha detto il responsabile degli arbitri ticinesi - La situazione non è semplice. In questo caso bisognerà dare delle punizioni non esemplari, perché personalmente non amo le punizioni esemplari, ma comunque dovranno essere delle giuste punizioni in base a ciò che è stato fatto".

Non bisogna dare una punizione esemplare solo per far colpo sull'opinione pubblica Silvio Papa

A sollevare il polverone sui fatti di Locarno-Semine sono state soprattutto le immagini riprese e diffuse con uno smartphone. "In questo caso l'uso del telefonino è stato utile ma bisogna stare attenti perché a volte questi telefoni vengono usati per mandarsi messaggi di sfida o provocatori - ha però evidenziato Biancardi - La tecnologia dev'essere usata in modo intelligente, altrimenti è meglio lasciarla da parte". Sulla stessa linea l'ex arbitro internazionale Francesco Bianchi: "Si può fare un'analogia con ciò che succede nelle scuole. Est modus in rebus, nel senso che si deve fare l'uso appropriato di questi mezzi: in questo caso l'uso è stato appropriato, ma non vorrei che se ne facesse un abuso".

Rispetto è la parola chiave, bisogna imporre un codice etico e comportamentale alle società Francesco Bianchi
 
Condividi