calcio - le pagelle

Steffen e Hajdari, una serata da incorniciare

Ottima prova di squadra di un Lugano al sesto successo consecutivo

  • 2 April, 20:57
  • SPORT
Ti_Press_SA_469704.jpg

Entrambi in gol

  • Ti-Press
Di: David Conti

Saipi 4: praticamente inoperoso, a immagine della pochezza basilese e di un Lugano bello come la primavera.

Mai 4,5: un destro a giro (che non gira) e poca convinzione negano al tedesco la prima soddisfazione stagionale. In retrovia è però invalicabile.

Doumbia 4,5: dove lo metti, lui sta. Due sole sbavature in un passaggio a vuoto durato quattro minuti, che non macchiano una prestazione convincente anche da difensore centrale.

Hajdari 5,5: rete numero 3 in stagione che spiana la strada ai bianconeri, ma anche molti interventi puliti che bloccano sul nascere le velleità rossoblù.

Espinoza 4: prova a spingere e duetta anche bene con Steffen. Le doti fisiche non si discutono, se fosse più preciso potrebbe diventare devastante.

Macek 4,5: è una di quelle serate in cui chiama spesso palla e quando il pallone ce l’ha tra i piedi, qualcosa inventa.

Sabbatini 5: torna titolare, e quando gioca così è una risorsa imprescindibile per i compagni. Si conferma uno dei giocatori più intelligenti del campionato.

Cimignani 3,5: una conclusione al volo ciccata, una a giro pericolosissima, con momenti a vuoto che lo fanno uscire un po’ dalla partita e… dal campo.

Steffen 5,5: il suo assist (il 13o) apre la partita, il suo strepitoso gol (il 5o) la chiude. Sempre più leader di un gruppo che crede nelle proprie qualità anche grazie al suo carisma. Diffidato, salterà la trasferta di Winterthur.

Mahou 3,5: prova qualche giocata interessante nel primo tempo, poi il suo entusiasmo scema con il passare dei minuti.

Celar 4: il primo pallone che tocca, è gol. Ma anche fuorigioco. Il suo primo rimpianto, il secondo è quello di non aver mandato in porta Aliseda quando la partita ancora era apertissima.

Marques 4: entra un minuto prima del raddoppio con un Lugano che da lì in poi bada soprattutto a gestire il doppio vantaggio.

Aliseda 4: Celar non lo vede (o non riesce a servirlo), altrimenti ci avrebbe messo lo zampino.

Vladi 3,5: egoista quando potrebbe servire sia Celar sia Aliseda, ma preferisce un tiro di sinistro, che sinistro lo è anche di fatto.

Nkama, Przybylko NG

Croci-Torti 5: sesta vittoria consecutiva in campionato, Basilea (seppur incerottato) dominato dall’inizio alla fine. Mai un pallone lungo, solo palla a terra. Il Lugano continua a sognare, merito dei giocatori, certo, ma anche del suo condottiero.

SL, le reti di Lugano-Basilea (02.04.2024)

RSI Calcio 02.04.2024, 22:18

Correlati

Ti potrebbe interessare