La selezione dell'est
La selezione dell'est (Keystone)

Tre casi positivi nell'Ucraina, partita a rischio

La Nazionale di Shevchenko potrebbe essere bloccata dal medico cantonale lucernese

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

dall'inviato a Lucerna Armando Ceroni

Non c'è pace per la Nazionale di Shevchenko. Da settimane alle prese con casi di positività al coronavirus che la stanno infettando nel profondo. La Federazione ucraina nel pomeriggio di oggi ha ufficializzato quanto emerso in mattinata da fonti di stampa del suo paese, ovvero che ci sono altri tre casi di giocatori che hanno contratto il COVID-19: si tratta di Sobol, titolare l'altra sera nella partita persa al cospetto della Germania, del centrocampista Makarenko e del quarto portiere Riznyk. Intanto il selezionatore ha già convocato altri tre elementi per sostituire quelli isolati.

L'UEFA ha di conseguenza annullato la classica conferenza stampa che, dopo le proteste della delegazione dell'est, è stata riprogrammata in serata nell'albergo della squadra. Nel frattempo tutti gli elementi si sottoporranno ad ulteriori test per scongiurare nuovi casi di coronavirus. I risultati dovrebbero arrivare domani mattina e a seconda di quanto emergerà il medico cantonale di Lucerna, dove è in programma la partita con la Svizzera, potrebbe anche decidere di mettere tutti i gialloblù in quarantena e di fatto annullare l'incontro di domani sera.

In questo caso resterà poi da capire come si muoverà la UEFA, visto che non sono previste finestre per un recupero della partita. L'Ucraina potrebbe essere ritenuta colpevole di non aver seguito il protocollo e potrebbe subire una sconfitta a tavolino. Sempre che in casa elvetica non emergano altri casi positivi che metterebbero in quarantena pure gli uomini di Petkovic. A quel punto da regolamento UEFA si dovrebbe fare un sorteggio con tre possibili risultati: 1-0, 0-0, 0-1. E la Svizzera avrebbe di conseguenza una sola possibilità su tre di salvare il posto in Nations League A.

 
 
Condividi