Di giallo vestito
Di giallo vestito (Keystone)

Applausi per Chavanel, tappa e maglia a Sagan

Ripresa la fuga solitaria del recordman di partecipazioni, la volata allo slovacco

  • Ascolta
  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La seconda tappa del 105o Tour de France è stata una fotocopia quasi perfetta della prima. Ad imporsi nella volata è stato Peter Sagan, che indossa così pure la maglia gialla, dopo che la giornata è stata caratterizzata da una fuga a tre, ben presto diventata a... uno, ovvero l'inossidabile Sylvain Chavanel, ripreso all'ultimo sprint intermedio.

Lo slovacco si è imposto a La Roche-sur-Yon, dopo 182km, precedendo l'italiano Sonny Colbrelli e il francese Arnaud Démare, tra i pochissimi a dribblare la caduta collettiva a 2km dall'arrivo che ha tolto dai giochi anche l'ex leader Fernando Gaviria. Intanto si sono registrati i primi due abbandoni, quello dell'ammalato Tsgabu Grmay, etiope della Trek, e di Luis León Sánchez, spagnolo dell'Astana vittima di una caduta a 40km dal traguardo (gomito sinistro fratturato).

Ma il vero protagonista di giornata è stato Sylvain Chavanel, da sabato detentore in solitaria del record di partecipazioni alla Grande Boucle, essendo per la 18a volta in gara. Il francese, che ha lasciato a quota 17 il tedesco Jens Voigt e l'australiano Stuart O'Grady, ha dato vita a una lunga fuga in solitaria, dopo che per i primi 35km è stato accompagnato da Michael Gogl e Dion Smith, che hanno però a quel punto desistito. Il 39enne ha avuto fino a 4'30" di vantaggio, prima di essere ripreso a 14km dall'arrivo, dopo 133km percorsi da solo.

 
 
 
 
 
Condividi