Ieri sera non è andata bene ai tedeschi
Ieri sera non è andata bene ai tedeschi (Keystone)

Le storie nella Storia tra Francia e Germania

Pochi i duelli tra le due in contesti di Europeo o Mondiale, ma c'è tanto altro

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Dall'inviato a Monaco Marcello Ierace

Tanto vicine e tanto lontane. Tanto diverse ma, sotto sotto, tanto simili. Francia e Germania sono due sorelle che per molto, troppo tempo si sono guardate in cagnesco, odiandosi anche. E solo da mature - sane e senza paura - hanno capito che, per poter crescere e prosperare, non avrebbero più potuto fare a meno una dell'altra.

Hanno versato sangue Francia e Germania, per secoli. E solo nel 1963, con il trattato di amicizia firmato da Charles De Gaulle e Konrad Adenauer, hanno davvero saputo stringersi la mano. E così come si sono contese il ruolo di prime delle classe nell’Europa della Storia, con la s maiuscola, Francia e Germania hanno cercato di imporre il proprio dominio anche all'Europa del pallone. Ma, più per caso che per sospetto, lo hanno fatto quasi sempre a distanza. Quella di ieri sera di Monaco è infatti stata soltanto la quinta partita tra le due selezioni, ultime trionfatrici della Coppa del Mondo, nell'ambito appunto di Mondiali ed Europei, la seconda in ambito continentale, addirittura la prima della storia in una fase a gironi. Indimenticabile la semifinale del Mundial 1982 con la vittoria dei tedeschi 5-4 ai rigori dopo un leggendario 3-3 ai supplementari. E dopo il tremendo intervento di Harald Schumacher su Patrick Battiston: talmente violento che lo sprezzante portierone, in un sondaggio nei giorni successivi, riuscirà nell'impresa di scalzare Adolf Hitler nella particolare classifica dei tedeschi più odiati dai francesi. Nella Coppa del Mondo in tutto sono tre vittorie in tre incontri per la Germania (anche semifinale 1986 e quarti 2014), mentre l'Euro è tutto francese: dopo la vittoria in semifinale nell'ultima edizione, ecco arrivato l'1-0 di ieri sera.

Ma i duelli franco-tedeschi, o germano-francesi che dir si voglia, non sono mai state sfide qualsiasi. A partire dalla prima di cui si ha memoria (anche se ammantata di leggenda), nel 1914. A Wulverghem, in Belgio, soldati tedeschi e francesi (e anche inglesi) si concessero quella che verrà ricordata come "la tregua di Natale": uscirono dalle trincee per sfidarsi, stavolta disarmati, in un'improvvisata partita di calcio. Dal giorno dopo ripresero a farsi la guerra, quella vera. E le bombe hanno insanguinato Parigi anche oltre un secolo più tardi, il 12 novembre 2015: si stava infatti giocando un'amichevole Francia-Germania durante la maledetta notte del Bataclan.

 
 
Condividi