Tredicesima stagione in maglia bianconera
Tredicesima stagione in maglia bianconera (rsi.ch)

"Abbiamo trovato l'assetto e la continuità"

Per Alessandro Chiesa il Lugano deve però essere più concreto in attacco

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Trentaquattro anni compiuti lo scorso 1o febbraio, Alessandro Chiesa è ormai uno dei veterani del Lugano, nelle cui fila ha disputato fin qui 13 stagioni. Il suo contratto giungerà a termine la prossima primavera, ma per ora l'ex capitano non ha ancora pensato concretamente a quale sarà il suo futuro: "Come ho sempre fatto vado sul ghiaccio e cerco di dare tutto per la squadra - ha sottolineato il difensore - Fino ad adesso penso di averlo fatto bene e mi godo ogni momento, poi naturalmente nei prossimi mesi ci sarà modo di discutere con il club di come si potrà andare avanti".

Siamo otto ottimi difensori, ognuno può giocare con chiunque, ma fuoriclasse come Alatalo e Müller ci danno quel qualcosa in più che gli anni scorsi non c'era Alessandro Chiesa

Dal futuro di Chiesa facciamo ritorno al presente di un Lugano che, dopo qualche balbettio iniziale, con le vittorie di Ginevra e con lo Zugo sembra aver trovato le sue certezze. "Siamo una squadra con un nuovo allenatore, stiamo crescendo - ha risposto il numero 27 dell'HCL - e sono già un paio di partite che abbiamo trovato il nostro assetto e la continuità. Stiamo lavorando parecchio proprio su questi aspetti e credo che siamo sulla strada giusta, abbiamo già dimostrato che quando giochiamo come vuole McSorley mettiamo in difficoltà chiunque".

Nelle prime partite in casa forse abbiamo voluto strafare, giocavamo con le vecchie abitudini, ma martedì con lo Zugo si è visto che abbiamo trovato la strada giusta anche alla Cornèr Arena Alessandro Chiesa

"Restano però ovviamente alcune cose da migliorare - ha proseguito Chiesa - nelle transizioni ad esempio siamo già vicini a quello che vuole il nostro coach, ma possiamo sicuramente essere più veloci e giocare più allungati. In zona offensiva poi dobbiamo essere più concreti davanti alla porta perché riusciamo a creare tante occasioni, ma ci manca ancora un po' la cattiveria necessaria per sfruttarle al massimo".

 
Condividi