Neanche un punto nelle prime quattro partite
Neanche un punto nelle prime quattro partite (Keystone)

Arcobello capitano dell'indolenza del Lugano

Pessimo powerplay, McSorley sta perdendo la squadra, si salvano veramente poche cose

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

di Federico Fiorito

Un avvio del genere non se lo aspettavano a Lugano e di certo in riva al Ceresio non volevano arrivare al primo derby dell'anno con più incertezze che punti fermi. Al di là dei risultati le prestazioni della squadra non convincono e l'atteggiamento di alcuni giocatori sembra scollato dalle emozioni che dovrebbe suscitare una partita. Così come scollato sembra sempre più il rapporto tra la squadra e l'allenatore.

--- Arcobello: abulico, insofferente e con statistiche non eccezionali neppure agli ingaggi. È un po' l'emblema dell'attuale rendimento del pacchetto straniero del Lugano, se si fa eccezione per l'affidabilissimo Koskinen. Dal capitano – e dal curriculum che si porta dietro – si aspettano gli impulsi per invertire questo brutto avvio di stagione.

-- il powerplay: le difficoltà nel trovare la via della porta avversaria diventano drammaticamente macroscopiche con l’uomo in più. Pessima la prestazione a Ginevra. Morini segna subito contro il Losanna, ma è un fuoco di paglia. E il gol giunge solo dopo quello in shorthand di Jäger. Nei 5’ sul conto di Salomäki non arriva neanche un tiro.

- McSorley: quando una squadra è così lontana anche solo da un'idea di gioco, l’allenatore ne è per forza coinvolto. McSorley non sembra riuscire a dare gli impulsi giusti ai propri giovani, sembra un condottiero che sta perdendo il suo seguito. E in questi casi il derby potrebbe essere proprio la partita giusta per suscitare emozioni spontanee nei giocatori e ricompattare tutto lo spogliatoio.

* la quarta linea: con gli stranieri che non garantiscono l’apporto sperato, con i pezzi da 90 che al momento non prendono per mano la squadra, è encomiabile – quasi commovente – il lavoro della quarta linea. Tanto pattinaggio, tanta voglia di fare, come quella di Marco Müller, altro punto sempre positivo, che però al momento predica nel deserto.

Legato a Rete Uno Sport del 26.09.2022 alle 12h30

 
Condividi