La gioia dei due ticinesi dei Lions
La gioia dei due ticinesi dei Lions (Ti-Press)

"Ci hanno criticati, ma ce l'abbiamo fatta"

I ticinesi Guerra e Pestoni festeggiano il titolo con lo Zurigo

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Sponda Zurigo, ovviamente l'euforia è esplosa al 60', e a festeggiare ci sono stati anche due ticinesi, Samuel Guerra e Inti Pestoni. Il difensore, che già aveva vinto due titoli con il Davos, ha dichiarato che "è sempre qualcosa di speciale, molto speciale. I due anni a Zurigo, con tutte le decisioni prese, non sono stati facili, ma ho accettato tutto. Ho lavorato duro, e adesso mi ritrovo in Ticino, alla Resega, a festeggiare il terzo titolo. È un'emozione forte. Abbiamo vissuto una stagione difficile, ci hanno criticati molto, a livello individuale diversi giocatori hanno subito parecchio. Abbiamo tenuto insieme lo spogliatoio e nei playoff ci siamo trovati spesso insieme. Ci siamo detti, 'è una chance che non succede sempre'. Da squadra ce l'abbiamo fatta, e spero che questa sia una bella lezione per lo ZSC".

Al primo titolo è invece Inti Pestoni, che nonostante abbia giocato poco si è presentato comunque emozionato ai microfoni, dove ha iniziato con la lode al leader Mathias Seger, che in qualche maniera gli ha preso il posto in questa gara-7: "È un leader da 19-20 anni, meritava per tutto quello che ha fatto. Dal primo giorno che sono arrivato all'Hallenstadion ho capito che persona fantastica fosse, mi sono ambientato anche grazie a lui. Dal primo giorno ho trovato un gruppo fantastico, mi hanno fatto sentire parte della squadra. All'inizio pensavo che in caso di successo non avrei sentito così tanto l'emozione avendo giocato poco in finale, ma grazie ai miei compagni questo titolo lo sento mio. È troppo bello".

 
Condividi