La realizzazione decisiva di Heed
La realizzazione decisiva di Heed (freshfocus)
Kloten
3 dr
Ambrì Piotta
4 dr
  • 5' Faille
  • 44' Ang
  • 55' Kellenberger
  • 2' Spacek
  • 16' Chlapik
  • 27' Virtanen
Tabellino Risultati e classifiche

Due punti con tanti rimpianti per l'Ambrì

I biancoblù vincono ai rigori a Kloten dopo aver sprecato un doppio vantaggio

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

È terminato con una vittoria a testa, il doppio incontro in 24 ore tra Ambrì e Kloten. Meritatamente sconfitti alla Gottardo Arena venerdì sera, i biancoblù si sono riscattati alla stimo Arena, espugnata con il risultato di 4-3 dopo i rigori. I due punti conquistati, per onor del vero, avrebbero potuto e dovuto essere tre, considerando che i biancoblù - anche fortunati sulle prime tre reti - si trovavano in doppio vantaggio alla seconda pausa. Ma tant'è, vittoria è stata ed è ciò che più conta anche in termini di classifica, dove l'HCAP continua ad occupare il decimo posto, sempre a più uno sul Lugano e più quattro sul Langnau.

Dopo diverso tempo di nuovo con sei stranieri di movimento, con McMillan che ha ritrovato il suo posto tra Formenton ed Eggenberger, l'Ambrì è passato a condurre già al 1'48", con una rete accordata a Spacek ma causata da una deviazione di pattino di Steiner. Nonostante il vantaggio gli ospiti hanno concesso troppi spazi agli zurighesi, bravi a sfruttarli con l'immediato pareggio di Faille in ripartenza (4'18") ma senza riuscirci in altre occasioni. Nemmeno in 33" di doppia superiorità numerica, sulla scia della quale il rientrante Grassi ha infilato il 2-1 (15'36"). Un gol, quello trovato con l'aiuto di Reinbacher, che ha dato maggiori certezze agli uomini di Cereda, più presenti e ordinati in un secondo periodo in cui hanno trovato l'allungo con un tiro di Virtanen deviato da Simic (26'54").

Il doppio vantaggio, un po' eccessivo per quanto visto, sembrava poter permettere ai biancoblù di affrontare con tranquillità il terzo periodo, in cui però hanno fatto harakiri: dapprima subendo il 2-3 di Ang con un uomo in più sul ghiaccio (43'48"), poi incassando malamente il 3-3 di Kellenberger (54'43"). Più brillanti nell'overtime, dove hanno avuto l'occasione di far loro la sfida, i leventinesi hanno dovuto però aspettare i rigori: a risultare decisiva è stata la realizzazione di Heed.

 

 

 

Legato a Sport e Musica del 21.01.2023

Condividi