Un personaggio tutto da scoprire
Un personaggio tutto da scoprire (Ti-Press)

"Ho imparato a camminare con un bastone"

Sami Kapanen ha sempre vissuto di hockey e lo farà anche a Lugano

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'hockey, per Sami Kapanen, è molto semplice: l'importante è "giocare per la squadra". Quattro parole che riassumono un sistema, quello che vuole portare il coach finlandese in riva al Ceresio, fatto di sudore, sacrificio e tanto pattinaggio. Ma l'hockey, per Sami Kapanen, è molto di più di uno sport, siccome è entrato a far parte della sua vita già in tenera età: "Ho imparato a camminare a nove mesi appoggiandomi ad un bastone. I primi pattini li ho invece ricevuti ad un anno e mezzo, quando non ero ancora in grado di pattinare".

Le individualità devono essere messe al servizio della squadra Sami Kapanen

"La mia carriera è iniziata prendendo spunto da mio padre. Replicavo tutto quello che lui faceva, è così che sono diventato un professionista", ha proseguito il finlandese prima di lanciarsi nella sua avventura in NHL, iniziata in maniera decisamente sfortunata. "Durante il primo allenamento sono caduto e un giocatore mi ha colpito alla testa con una ginocchiata. Dopo qualche settimana i medici mi hanno comunicato che c'era stato un riversamento di sangue nel cranio e nella spina dorsale. Sono ripartito dalla AHL, poi, col passare degli anni, si può dire che è andata decisamente meglio".

Ho scelto di rincorrere il mio sogno Sami Kapanen
 
Condividi