Il coach biancoblù
Il coach biancoblù (Keystone)

"Il protesto è per un movimento di Berra"

Luca Cereda spiega la decisione presa sul primo rigore del Friborgo

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Non è stato lo strano movimento del disco di Mottet ad indurre l'Ambrì a presentare protesto alla Lega per il primo rigore della serie contro il Friborgo. Bensì un altro movimento, quello di Berra dall'altra parte del ghiaccio. "Gli arbitri nell'assegnare o meno il gol possono fare un errore di valutazione - ha spiegato Luca Cereda al termine della partita - Noi abbiamo chiesto di andare a vedere il movimento del portiere, che esce dalla propria porta e va nell'angolo. Per una cosa così era stato annullato un rigore del Berna in passato. Ma gli arbitri hanno deciso di non andare di nuovo al video e questo ci ha indotto a presentare protesto".

Svelato un mistero. E perché non chiamare il coach challenge sulla prima rete burgunda? "In quel momento la scelta andava presa velocemente. A noi sembrava ci fosse il sospetto di fuorigioco, ma non ne eravamo sicuri e, in vantaggio di due gol, non abbiamo voluto rischiare", ha concluso il coach leventinese.

 

Condividi