In cerca di riscatto con l'Ambrì
In cerca di riscatto con l'Ambrì (freshfocus)

"Non avere niente da perdere può far vincere"

Kneubuehler, dopo una stagione difficile a livello fisico, ha grandi motivazioni

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

di Luca Steens

Tra i giocatori che hanno goduto di uno spazio importante in questo inizio di campionato nelle file dell'Ambrì c'è pure Johnny Kneubuehler. Il 24enne, reduce da una stagione caratterizzata dagli infortuni che gli hanno permesso di disputare solo 17 incontri, si sta ritagliando un posto importante in seconda linea al fianco di Brian Flynn: "È vero, ho più spazio e sono contento. Ho lavorato duro per tornare più forte, e ora mi sento davvero bene".

L'anno scorso la sfortuna mi ha tenuto a lungo lontano dal ghiaccio. Ne ho approfittato per migliorarmi Johnny Kneubuehler

L'attaccante arrivato nel 2018 da Losanna ha tanta voglia di dimostrare il proprio valore dopo un anno difficile: "A inizio preparazione ero già davvero motivato, volevo dare subito tutto. Questo mi ha aiutato ad essere più pronto ed energico sul ghiaccio".

La vittoria sul Servette, squadra nella quale si è formato fino all'età Novizi, ha dato una bella carica al numero 11 e ai suoi compagni: "Ci ha fatto davvero tantissimo bene. Dopo tre sconfitte ottenere una vittoria così ha fatto piacere". Ma perché nelle situazioni più "disperate" come a Ginevra, con soli due stranieri, l'Ambrì trova energie in grado di fargli vincere partite che nessuno si aspetta? "Non ho una spiegazione. A Ginevra eravamo chiaramente gli outsider, contro una squadra forte e che era partita bene mentre noi avevamo avuto sfortuna prima. Per queste ragioni abbiamo dato tutto per la vittoria. Una mentalità che dovremmo avere sempre. Non avere niente da perdere e giocare per vincere può portare al successo".

Tra le due partite del weekend, la più difficile è forse quella contro il Langnau Johnny Kneubuehler

Chiusura sulla particolare situazione a livello di pubblico: "Voglio essere sincero... è un po' triste giocare con meno spettatori. Ma lo sapevamo quando abbiamo ripreso che sarebbe stato difficile. Dobbiamo accettare la situazione e adattarci a giocare con queste condizioni", ha concluso il leventinese.

 
Condividi