Genoni sostituito prima di metà partita
Genoni sostituito prima di metà partita (Keystone)

Esordio olimpico toppato per la Svizzera

La squadra di Fischer è stata sconfitta nettamente dal Canada

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Senza giocatori NHL ci eravamo illusi di potercela giocare alla pari con tutti, ma a riportarci con i piedi per terra ci ha pensato il Canada. All'esordio nel Gruppo A del torneo olimpico maschile di hockey la Svizzera è stata surclassata dai nordamericani, che hanno conquistato con merito la vittoria grazie al risultato di 5-1. Troppo brutta e molle nella prima parte per essere vera, la squadra di Fischer ha fortunatamente ancora le due partite del girone con Corea (sabato) e Cechia (domenica) per registrarsi in difesa e alzare il proprio livello di gioco prima della fase a eliminazione diretta a cui accederanno tutte le squadre.

La Nazionale elvetica non ha iniziato male il confronto, imprimendo grande ritmo e affrontando a viso aperto i propri avversari, che scampato il pericolo dopo pochi secondi sono passati a condurre già al 2'57" con la pregevole deviazione di Bourque sull'assist di Lee. La Svizzera ha accusato il colpo e dopo non aver sfruttato un powerplay ha subito il 2-0 in inferiorità numerica del bernese Noreau.

Nel periodo centrale la situazione è precipitata del tutto con l'uno-due nel giro di 52" griffato ancora da Bourque e da Wolski, che ha costretto Fischer a chiamare il time out e sostituire Genoni. Negli ultimi 20' di gioco Diaz e compagni hanno parzialmente reagito, cercando di restare più disciplinati e trovando il punto della bandiera con Moser. Il coach rossocrociato ha poi provato a riaprire il match levando il portiere con più di 5' da giocare, ma la mossa della disperazione ha solo agevolato la doppietta di Wolski.

La Corea spaventa la Cechia

Nell'altra partita del girone la Cechia se l'è vista brutta contro i padroni di casa della Corea ma alla fine è riuscita a spuntarla per 2-1. In vantaggio con Cho, gli asiatici hanno subito la rimonta ancora nel primo terzo di Kovar e Repik, ma non hanno mollato restando in partita sino alla terza sirena.

 

 

 

 
Condividi