La ticinese e i due globi di cristallo
La ticinese e i due globi di cristallo (rsi.ch)

"È bellissimo, ma sono a metà strada"

Lara Gut si racconta dopo una giornata indimenticabile

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Negli occhi la commozione ma anche lo scintillio di quella coppa di cristallo per cui tanto ha faticato in questi anni. Lara Gut, al termine di una giornata trionfale a St.Moritz, si è concessa ancora ai nostri microfoni per provare a raccontare i sentimenti che sta provando in questo giorno che difficilmente dimenticherà.

"È bellissimo. Mi sembra di riguardare l'album di famiglia - ci dice la ticinese dopo aver visto un collage video dedicato alla sua carriera - Ho iniziato a gareggiare in Coppa del Mondo che avevo solo sedici anni e a rivedere queste immagini si vede che ero ancora una bambina. Ora sono a metà strada. È bello tutto quello che ho vissuto, che abbiamo vissuto insieme, tutto quello che lo sci, lo sport riesce a trasmettere".

"Questa coppa è un traguardo incredibile, ma spero che rimanga uno scalino della mia scala. Ne ho fatti tanti: a volte ho fatto salti avanti, a volte sono scivolata indietro. Questo era uno scalino un po' più alto, ma spero di riuscire a continuare" Lara Gut

"Ho sempre cercato di migliorarmi ogni giorno - continua Lara Gut - E questa è anche una sfida per vedere cosa posso mettere a posto. Perché se ne può discutere, si può dire che è stata fortuna, i punti comunque li ho fatti, ma sono convinta che ci sono ancora molte cose che posso migliorare".

 
 
Condividi