Tennis

“Tolte le spese mi sono rimasti solo 2’500$ per due tornei vinti”

Remy Bertola parla delle difficoltà finanziarie per chi non è tra i tennisti top

  • 18 giugno, 11:29
  • 18 giugno, 11:33
Remy Bertola

Il 25enne ha appena vinto due tornei in una settimana, ma questo non basta

  • Ti-Press

Nonostante i vari Federer, Nadal, Djokovic, Sinner e Alcaraz sono o sono stati tra gli sportivi più pagati al mondo, per quelli che non sono tennisti di primo piano che vincono spesso i tornei più importanti, la sicurezza finanziaria è una grossa preoccupazione. Di questo problema ne ha parlato ai microfoni di Tempi Supplementari Remy Bertola (ATP 313): “Sono in una buona posizione nella classifica ATP, ma non abbastanza da avere una stabilità finanziaria sul lungo termine. Ho appena vinto lo stesso torneo sia in singolo che in doppio e, tolte le spese, mi sono rimasti solo 2’500$ circa e non capita tutti i giorni di vincere due tornei in una settimana”.

Rispetto a chi fa un lavoro normale guadagniamo di più, però abbiamo molte spese e alla fine è difficile mettere da parte qualcosa per il futuro

Una parte importante del problema sono le spese elevate che i tennisti devono affrontare, sia per pagare gli allenatori e fisioterapisti che per i viaggi e alloggi per loro e lo staff. Inoltre le entrate per questi atleti sono sempre dipendenti dai risultati raggiunti e non sono garantite in caso di infortuni. Negli ultimi anni, l’ATP ha comunque provato a fare qualcosa, in particolare è stato aumentato il numero di tornei ed è stato introdotto un sistema che assicura un guadagno annuale minimo per i primi 250 della classifica.

Il servizio con Remy Bertola (Tempi Supplementari 18.06.2024, 07h00)

RSI Sport 18.06.2024, 08:14

  • Remy Bertola
  • ATP

Correlati

Ti potrebbe interessare