Il torneo sta per entrare nelle fasi calde
Il torneo sta per entrare nelle fasi calde (Keystone)

"C'era da aspettarsi che l'interesse scemasse"

Claudio Mezzadri si esprime sulla prima settimana del Grande Slam di Wimbledon

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Wimbledon ha perso un po' di appeal con l'uscita di grandi campioni come Matteo Berrettini (ATP 11) e Casper Ruud (6) dopo essere partito già un po' azzoppato a causa dell'assenza di Alexander Zverev (2) e il divieto imposto ai giocatori russi di partecipare. Oltre a ciò non ha sicuramente giovato al torneo la decisione presa dall'ATP di non assegnare punti ai giocatori: "Questa scelta ha sicuramente demoralizzato alcuni partecipanti che contavano di rifarsi proprio in questo appuntamento" ha commentato Claudio Mezzadri.

Non far giocare i russi significa togliere qualità al torneo, abbassare il livello medio Claudio Mezzadri

Nonostante tutto però non mancano i grandi nomi sull'erba londinese, con un possibile quarto di finale tra Novak Djokovic (3) e Carlos Alcaraz (7). "Il rendimento di Djokovic non ha bisogno di spiegazioni, sta dimostrando di essere sempre più in palla con l'avanzare del torneo. Alcaraz rappresenta invece il nuovo e il suo gioco si adatta perfettamente all'erba moderna - ha continuato Mezzadri - per quanto riguarda Nadal, è tra i favoriti indipendentemente da quello che sembra dimostrare la sua performance".

 

Condividi