Momenti bui
Momenti bui (Keystone)

Djokovic a un passo dal ritiro due anni fa

Ora è certo di poter "battere il record di vittorie negli Slam e settimane da numero uno"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

"Ho sempre molta fiducia in me stesso". Così si è espresso Novak Djokovic, protagonista del programma In depth with Graham Bensinger, parlando dei suoi obiettivi futuri. Una fiducia che però nel 2018 gli era venuta a mancare, tanto che, dopo la pesante sconfitta subita a Miami per mano di Benoît Paire, il serbo aveva pensato addirittura al ritiro, come rivelato dalla moglie Jelena: "Mi ha detto che stava lasciando, che era la verità".

In seguito Nole aveva radunato il suo staff e comunicato: "Sapete ragazzi, sono arrivato alla fine", chiedendo poi di informare gli sponsor. "Non so se mi fermerò per sei mesi, un anno o per sempre".

Non credo nei limiti. Penso che i limiti siano solo illusioni del tuo ego o della tua mente Novak Djokovic

La crisi però è passata, tanto che il Djoker è tornato ad essere vincente, trionfando subito a Wimbledon, riprendendosi il numero uno e restando imbattuto in questo inizio di 2020, prima di essere fermato dallo stop dovuto all'emergenza coronavirus. "Sono convinto di poter vincere il maggior numero di Slam e superare il record di settimane in vetta alla classifica ATP. Questi sono definitivamente i miei due grandi obiettivi", ha spiegato. Primati che appartengono a Roger Federer con 20 Major (contro 17) e 310 settimane (282).

 
Condividi