Non potrà difendere il titolo 2015
Non potrà difendere il titolo 2015 (Keystone)

Murray intrattabile, Wawrinka abdica

Sarà lo scozzese a sfidare Djokovic in finale a Parigi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Non sarà Stan Wawrinka (ATP 4) a provare a fermare il numero uno al mondo quest'anno nella finale di Parigi. L'ultimo atto del Roland Garros metterà infatti di fronte Novak Djokovic (ATP 1), a caccia del suo primo trionfo alla Porte d'Auteuil, ad Andy Murray (2), che ha avuto la meglio sull'elvetico per 6-4 6-2 4-6 6-2. Il serbo dal canto suo non ha avuto problemi a sbarazzarsi di Dominic Thiem (15), spazzato via per 6-2 6-1 6-4.

Il rossocrociato, campione in carica e che aveva vinto gli ultimi 12 incontri disputati agli Internazionali di Francia, poco ha potuto contro lo scozzese, solido e preciso. Il 31enne vodese ha lottato, è riuscito anche a strappare un set all'avversario grazie pure al sostegno del pubblico, ma non ha saputo infilare un quarto successo consecutivo negli scontri diretti con il britannico, che ha portato il parziale tra i due sul 9-7 a suo favore. Murray approda così per la prima volta in finale sulla terra rossa francese, l'unica del grande Slam che ancora gli mancava, dove proverà a vendicare la sconfitta subita l'anno scorso al penultimo atto proprio dal serbo. Nel 2014 e nel 2011 aveva invece perso da Rafael Nadal (5).

Djokovic dal canto suo non ha dovuto nemmeno spremere una goccia di sudore per accedere alla sua quarta finale del Roland Garros. Il serbo ha disputato la sua miglior partita del torneo, commettendo pochissimi errori diretti e mettendo costantemente sotto pressione l'austriaco. Solo ad inizio di terzo set si è un po' troppo rilassato, concedendo a Thiem di andare sul 3-0, prima di riprenderlo e superarlo agevolmente.

 
 
 
Condividi