Rinaldo Giambonini, curatore del primo palinsesto la storia ticinese della televisione svizzera

Dalla Messa alla Festa delle camelie: inizia l'avventura ticinese

2 maggio 1961: la prima signorina buonasera è Mascia Cantoni

Questi i programmi, due: la Messa pontificale di Pentecoste dalla Cattedrale di Lugano al mattino; di pomeriggio, trascorrendo diciamo così dal sacro al profano, la diretta del corteo per la Festa delle Camelie di Locarno. Inizia così la storia ticinese della televisione svizzera. La voce che annuncia i programmi, la prima signorina buonasera, è di Mascia Cantoni.

Rinaldo Giambonini cura il primo palinsesto. La sede è a Paradiso, dove prima c’era un deposito filotramviario. Lì resterà per 15 anni. I dipendenti erano 36. Gli abbonati erano 11.400, ovvero un televisore ogni 17 abitanti. Nel 1970 questa proporzione salirà a un televisore ogni quattro abitanti con 58.300 abbonati.