da sinistra Jorge Rossy, Colin Vallon e Matthieu Michel
da sinistra Jorge Rossy, Colin Vallon e Matthieu Michel (Jorge Rossy, Colin Vallon e Matthieu Michel)

Vallon-Michel-Rossy

Auditorio Stelio Molo RSI - Sabato 15 maggio 2021 alle ore 21.00

Auditorio Stelio Molo RSI, Lugano-Besso

Vallon-Michel-Rossy
Colin Vallon
piano
Matthieu Michel tromba, flicorno
Jorge Rossy batteria

Concerto ad entrata gratuita con pubblico limitato a 50 spettatori.

Prenotazione obbligatoria su Eventi RSI.
Info T. + 41 (0)58 – 135.95.49

 

In diretta su Rete Due.
Videostreaming non previsto.
Una collaborazione RSI Rete Due/MusicaViva.

 

Il pianista Colin Vallon unisce le forze con due originali figure dell’odierna musica improvvisata europea: il romando Matthieu Michel, il cui suono inconfondibile di tromba e flicorno è bellezza ed emozione allo stato puro, e il catalano Jorge Rossy, mago della batteria e uno dei musicisti di riferimento del percussionismo jazz di oggi. Il repertorio di questo trio di recente formazione alterna composizioni proprie, libere improvvisazioni e antiche gemme, a volte nascoste, dai songbook di Don Cherry, Thelonious Monk, Gabriel Fauré…

 

Il pianismo di Colin Vallon (Losanna, 1980) sembra a volte iniziare dove quello di altri suoi colleghi di strumento finisce. Con un approccio originale, con molta verve e altrettanta audacia, concilia senso della forma e passione per una ricerca ad ampio raggio. Nel suo modo di suonare, dove ritmo, melodia e armonia si amalgamano in un unico respiro musicale, integra felicemente suoni percussivi e indeterminati grazie al “pianoforte preparato”.

Guida da anni un proprio trio classico con basso e batteria, vera e propria officina di sperimentazione musicale. Ha suonato con una moltitudine di musicisti della scena svizzera e collaborato con prestigiosi solisti internazionali quali Larry Grenadier, Jeff Ballard, Ambrose Akinmusire, Wolfgang Muthspiel, Tom Harrell, Kenny Wheeler ...

Matthieu Michel (Friburgo, 1963) è musica pura. Note profonde ed inevitabili, al tempo stesso fresche e sorprendenti quelle che scaturiscono dai suoi strumenti. Un gusto innato per la melodia, una ricca tavolozza timbrica, un controllo assoluto delle dinamiche sono tra le più evidenti qualità del suo modo di suonare.

Tra gli altri ha suonato o registrato con artisti come Phil Woods, Steve Swallow, Richard Galliano, Wolfgang Muthspiel, Vienna Art Orchestra, Daniel Humair, Jeff Ballard, Eivind Aarset.

Jorge Rossy (Barcellona, 1964) è un batterista delle molteplici peculiarità. Nel suo modo di suonare concilia l’energia vitale che serve da forza trainante di una band e la delicatezza del colorista, del pittore di suoni che trascende il proprio strumento e crea nuovi quadri in cui la musica possa dipanarsi. Creatore di ritmi possenti e trascinanti da una parte, poeta della percussione dall’altra: sono le due anime del personalissimo drumming di un musicista tra i più influenti della sua generazione.

Ha suonato live e ha registrato con jazzisti della caratura di Brad Mehldau, Joshua Redman, Wayne Shorter, Lee Konitz, Charlie Haden, Carla Bley e Joe Lovano.