Radio

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

I costi della radio sono indicati in questa sede con modalità diverse rispetto a quelli della televisione. Per la radio infatti non sono indicate le cifre relative ad ogni singolo programma, spesso difficili o addirittura impossibili da determinare a causa della maggiore “fluidità” del lavoro radiofonico. Si indicano invece i costi complessivi delle singole reti, Informazione esclusa (i costi dei programmi informativi sono calcolati a parte).

Informazione radio

L'informazione radiofonica, presente in programmi e modalità diverse su tutte e tre le reti radio RSI, assicura il flusso costante delle notizie (con i notiziari), una prima lettura degli eventi (con i Radiogiornali), una caratterizzazione regionale (con Cronache della Svizzera italiana, Voci del Grigioni italiano e Grigioni sera), una contestualizzazione dei fatti di attualità con la rubrica di approfondimento Modem e l’“infotainement” del primo mattino di Rete Uno con Albachiara. Quando gli eventi lo giustificano trasmette anche edizioni speciali e programmi particolari, come nel caso di votazioni ed elezioni. Nel 2019 i programmi radiofonici legati all’informazione sono costati complessivamente 12,3 milioni di franchi.

 

Rete Uno assicura al Paese un'informazione equilibrata, un intrattenimento anche musicale per tutti i gusti e un contatto costante con gli ascoltatori. Non mancano approfondimenti mirati e la presenza ad appuntamenti sociali e culturali in grado di interessare il grande pubblico grazie a un taglio divulgativo e non specialistico. Rete Uno parla a tutti: il suo pubblico è eterogeneo per età, estrazione sociale, interessi e provenienza. La programmazione della rete ammiraglia delle radio RSI, fra prestazioni tecniche e redazionali e spese per studi e infrastrutture, è costata nel corso del 2019 8 milioni di franchi. Nella cifra non sono inclusi i costi delle trasmissioni legate all'Informazione, che rappresentano una parte cospicua della programmazione. I costi dell'Informazione radio ammontano a 12,3 milioni di franchi.

 

Rete Due è la rete culturale e musicale della RSI. Offre musica classica, contemporanea, jazz ed etnica, programmi di approfondimento e di attualità culturale, appuntamenti giornalieri con letteratura, cinema, teatro, filosofia, arte, scienza e tecnologia, oltre a rassegne stampa delle pagine culturali nazionali ed internazionali. Senza dimenticare il radioteatro, con escursioni quotidiane nella produzione drammaturgica classica e contemporanea. La rete radio culturale della RSI è costata nel 2020 9,1 milioni di franchi. I costi degli ensemble musicali e le stagioni concertistiche sono calcolati a parte (vedi sezione Intrattenimento e musica).

 

 

Rete Tre, la radio rivolta ai giovani e ai “giovani di spirito”, trasmette musica pop, rock, black, hip hop, sempre di tendenza, ed è caratterizzata da fortunati sketch umoristici e satirici. Nei suoi spazi giornalistici offre approfondimenti che toccano la società, la tecnologia, la formazione e la prevenzione, sempre rivolti soprattutto a un pubblico giovane. Un'animazione vivace, attenta e spigliata, regolari spazi informativi di aggiornamento e un rapporto diretto e consolidato con il suo pubblico sono i cardini di una radio che indaga con curiosità il mondo che ci circonda. Nel 2020 la programmazione di Rete Tre è costata 4,5 milioni di franchi.

 

L'informazione radiofonica, presente in programmi e modalità diverse su tutte e tre le reti radio RSI, assicura il flusso costante delle notizie (con i notiziari), una prima lettura degli eventi (con i Radiogiornali), una caratterizzazione regionale (con Cronache della Svizzera italiana, Voci del Grigioni italiano e Grigioni sera), una contestualizzazione dei fatti di attualità con la rubrica di approfondimento Modem e l’“infotainement” del primo mattino di Rete Uno con Albachiara. Quando gli eventi lo giustificano trasmette anche edizioni speciali e programmi particolari, come nel caso di votazioni ed elezioni. Nel 2019 i programmi radiofonici legati all’informazione sono costati complessivamente 12,3 milioni di franchi.