Ripensiamoci

di Paola Leoni e Nadia Ticozzi

Ripensiamoci

Puntata dell'8.05 - Tra riaperture e richieste di prudenza, la vita dopo il Lockdown

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Fine aprile: le prime attività ripartono, si rimettono in moto le auto, la gente torna a muoversi con maggior libertà. Eppure molti parchi, sentieri e piste ciclabili della Svizzera italiana – ancora nella prima settimana di maggio – restano chiusi. C’è chi chiede addirittura più controlli e repressione, chi invece denuncia le limitazioni di libertà ed è convinto che il senso di responsabilità di cittadine e cittadini vada riconosciuto. Chi ha ragione?

Certo è che non tutti i Comuni popolosi hanno sbarrato le aree verdi: e noi siamo andati a vedere come si comportano gli avventori laddove le aree verdi sono restate aperte. Un inedito e involontario esperimento sociale che rivela più di una sorpresa.

E in questa fase di ritorno a una normalità decisamente anomala, non è solo il ruolo dei cittadini ad essere messo in discussione, ma anche quello degli spazi pubblici. Così in molte città si moltiplicano idee e progetti per ripensare il modo di vivere le aree urbane e la mobilità: dai tavolini dei bar sparpagliati nelle piazze, alle strade trasformate in zona 20 o 30, alle piste ciclabili provvisorie.

Ne parliamo in studio con Marco Borradori, sindaco di Lugano e Cristian Garzoni, virologo.

Prese di posizione

 

Per saperne di più
Il comunicato stampa della città di Lugano, che annuncia la riapertura dei parchi nel week end , le modalità e gli aavvisi alla prudenza. Restano chiusi i campi da gioco perché gli sport – basket/calcio – non sono ancora autorizzati

 

Condividi
Commenti
Commenti
I più votati
3 nuovi commenti
3 nuovi commenti
3 nuovi commenti
3 nuovi commenti