Di 27 vestiti testati solo 9 sono risultati non tossici. 6 non dovrebbero nemmeno essere in commercio
Di 27 vestiti testati solo 9 sono risultati non tossici. 6 non dovrebbero nemmeno essere in commercio

Vestiti tossici

Puntata del 30.10 - La maggior parte dei vestiti che acquistiamo nei negozi della Svizzera italiana contiene sostanze velenose per l'uomo o per l'ambiente

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Coloranti allergenici, cancerogeni, ftalati, ammine aromatiche, metalli pesanti, tra cui piombo e formaldeide. Siti inquinati? Produzioni chimiche? Macché! Stiamo parlando dei nostri vestiti.

Cappellini, magliette, pantaloni, camicie, ma anche biancheria da letto, foulard, la lista è lunghissima, tutti capi che Patti chiari ha acquistato 27 capi nei negozi della Svizzera italiana (Manor, Migros, Coop, Yendi, Sport Specialist, Conforama, Tally Weijl, Vögele) e nei mercati, con un unico obiettivo: verificare come sono stati prodotti e soprattutto cosa contengono. I parametri della nostra analisi sono quelli delle norme volontarie Oeko Tex e del REACH, il regolamento europeo sulle sostanze chimiche, adottato solo parzialmente dalla Svizzera.

Nei 27 capi analizzati abbiamo trovato che:

  • 6 capi hanno un contenuto di sostanze tossiche al di sopra dei 
    requisiti Oeko Tex.

  • 2 capi presentano tracce di sostanze tossiche ma entro i requisiti Oeko Tex.

  • Solo 9 capi sono stati prodotti nel rispetto dell’ambiente e del consumatore.

 

L’allarme nel mondo della moda è stato lanciato in più occasioni: diverse le marche, anche famose, finite sotto accusa. Per produrre i loro capi, e trattare i tessuti, troppo spesso i produttori utilizzano sostanze tossiche, che finiscono a contatto col nostro corpo e si disperdono nell’ambiente. Sostanze capaci di alterare il sistema ormonale e di inquinare le acque.

Sotto accusa in particolare c’è il  “made in Cina”, ma non solo, e Patti chiari ha scoperto che anche i tanto decantati marchi con cotone biologico non rappresentano certo una garanzia: la produzione del cotone è si bio, ma ciò non significa che nella lavorazione (come la tintura per esempio), non vengano usati prodotti tossici.

Ma il consumatore come può difendersi? Come orientarsi nella giungla delle etichette e certificazioni? Quali le marche coinvolte e quali negozi ci hanno venduto capi di vestiario con sostanze tossiche pericolose? Ecco il servizio. Segue la discussione in studio con Chiara Salmoirachi, specialista del centro tessile cotoniero e abbigliamento, Françoise Minarro, portavoce di Greenpeace che ha seguito la campagna Detox, e Giuseppe Morciano, direttore regionale di Conforama.   

 

In conclusione, ci sono alternative per una produzione pulita? La risposta è sì, il nostro test lo prova, ma comporta costi più alti. Resta quindi la domanda: il consumatore è disposto a pagare di più per acquistare prodotti etici ed ecologici?

Hai qualcosa da aggiungere a questa storia? Scrivilo nei commenti!
Se invece vuoi rivedere la puntata intera, CLICCA QUI.

 

Prese di posizione:

 
Condividi
Commenti
Cari utenti, lo spazio dei commenti (moderati dalla redazione) resta aperto fino al termine della diffusione della puntata. Vi ringraziamo per tutte le osservazioni che ci farete avere.
Commenti
I più votati
3 nuovi commenti
3 nuovi commenti
3 nuovi commenti
3 nuovi commenti