Storie di neve, di freddo e di festa dagli archivi RSI, di Mattia Pelli

"I nostri inverni. La montagna arrabbiata"

Storie di neve, di freddo e di festa dagli archivi RSI, di Mattia Pelli

(© Matteo Pelli - RSI)

"I nostri inverni. La montagna arrabbiata"

Storie di neve, di freddo e di festa dagli archivi RSI, di Mattia Pelli

27.12.18 - 17:40

L’inverno è arrivato, si rispolverano i cappotti pesanti, i guanti e le sciarpe. Si cammina veloci per le strade della città nella sera che ormai scende presto. Ogni inverno è un po’ sempre lo stesso, ma mai nessuno è veramente uguale agli altri. "I nostri inverni. Storie di neve, di freddo e di festa dagli archivi RSI" vi porta alla scoperta di quelli del passato e di come sono stati raccontati alla radio.

La montagna arrabbiata

L’inverno è la stagione che si presta meglio all’introspezione, al ricordo delle tradizioni e alla spiritualità, alla poesia dei paesi coperti di neve. Eppure è anche la stagione dei pericoli, nella quale gli elementi possono scatenarsi in improvvisi e mortali sussulti. Come quando, nel febbraio 1951, le valanghe dovute alle nevicate straordinarie fecero 19 morti.

 

Brani: “La valanga che volve”, tratto dal Guglielmo Tell di Rossini; “Fiocchi di neve”, composizione di Romeo Gerosa, Corale Melodia diretta da Walter Winkeltau, registrazione RTSI del 19.12.1968; Fabrizio De André, “Inverno”; Fabrizio De André, “Primo intermezzo”.

Spezzoni tratti da:

  • “Documentario di Luciano Marconi sulle valanghe nel Ticino”, 12.02.1961
  • “Intervista telefonica sulla caduta di valanghe”, 12.02.1951
  • “Spiracoli”, puntata intitolata “‘L’anno della valanga’ di Giovanni Orelli”
  • “Scrittori della Svizzera italiana. Giovanni Orelli”, 10.04.1987
Ora in onda Concerto jazz - Suisse Diagonales Jazz 2019 In onda dalle 21:00
Brani Brani in onda Hey Jude - Manuel Barrueco Ore 20:57