RSI_social_media_template_post_adv_16-9_plinio_martini.png
Festival d'autore

“Non tornerò in America”. Plinio Martini nel centenario della nascita.

di Sandra Sain

  • RSI
  • 30.7.2023
  • 53 min
Disponibile su
Scarica
  • Letteratura

100 anni orsono nasceva Plinio Martini autore di poesie, racconti, romanzi e di numerosi articoli in difesa del patrimonio storico e civile, della Valle Maggia, indubbiamente tra gli scrittori svizzero italiani più noti, letti e amati del Novecento. Esordì come poeta negli anni Cinquanta ma il successo arrivò negli anni Settanta con i due romanzi: "Il fondo del sacco", biografia collettiva della civiltà rurale al tramonto e "Requiem per zia Domenica", racconto che attraverso la narrazione di un rito funebre evoca un passato rurale improntato a una rigida morale cattolica. Testimone del cambiamento che ha segnato il passaggio dalla civiltà contadina d’anteguerra al suo sconvolgimento nel dopoguerra, Martini attinse ampiamente al patrimonio storico della valle prealpina ispirandosi alla letteratura neorealista. In occasione del centenario della nascita lo Studio 2 della RSI ha ospitato in una serata pubblica Alessandro Martini, professore emerito di Letteratura italiana all’Università di Friburgo; Matteo Ferrari, docente al liceo di Lugano 2 e ricercatore, e Guido Pedrojetta, già docente di letteratura e filologia italiane all’Università di Friburgo. L’attrice Margherita Saltamacchia ha letto dei brani dalle opere dell’autore. L’incontro è stato condotto da Brigitte Schwarz. Vi proponiamo una sintesi della serata.

Scopri la serie

Correlati

Ti potrebbe interessare