Filippo d'Asburgo e Giovanna di Castiglia (Wikipedia)

Due cognate, due mondi: Giovanna la Pazza e Margherita d'Asburgo

di Roberto Antonini

La passione per il marito Filippo il Bello, la gelosia che la porta alla pazzia: così appare nell’immaginario popolare la figura di Giovanna la Pazza nata a Toledo nel 1479 e morta in prigionia nel monastero castello di Tordesillas, confinata lì dal padre Ferdinando d’Aragona che la considerava affetta da demenza. O che forse voleva semplicemente allontanarla dal potere. Comunque una ribelle, forse semplicemente vittima del suo carattere indipendente inviso alla corte della monarchia. Madre dell’imperatore Carlo V, Juana la Loca è agli antipodi della cognata, Margherita d’Asburgo, figlia dell’imperatore Massimiliano I, pure donna di potere, colta, illuminata, autoritaria, una donna che sa inserirsi nelle dinamiche di potere e di genere dell’epoca e che si occupò dei nipoti, tra cui il futuro Carlo V. Margherita d’Austria a cui tra l’altro va il merito di aver messo fine, con il tratto di Cambrai alla guerra tra Carlo V e Francesco I, un trattato che pose le basi per la dominazione spagnola dell’Italia. "Geronimo" mette a confronto queste due donne di inizio Rinascimento con la studiosa Sonia Merli, incontrata da Roberto Antonini al Festival del medioevo di Gubbio.

 

Ora in onda Radiogiornale In onda dalle 8:30
Brani Brani in onda Michael Music - Pavel Karmanov Ore 8:15