Michel Onfray: anticomunista, anticapitalista. E ateo

di Roberto Antonini

®

Da lunedì 24 a mercoledì 26 agosto 2020

In una lunga conversazione con Roberto Antonini, il celebre filosofo francese si racconta e spiega le sue tesi sulla fine della civiltà giudaico cristiana. Di famiglia contadina, cresciuto in un orfanotrofio, operaio prima di ottenere una laurea in filosofia, Michel Onfray è oggi una dei filosofi più noti a livello mondiale. Ma le sue tesi sono anche controverse: individualista, ateo, anticapitalista e anticomunista è certamente un pensatore controcorrente. Erudito, lavoratore indefesso, autore di oltre un’ottantina di pubblicazioni, Michel Onfray dirige oggi l’università popolare di Caen, la città normanna dove risiede. L’intervista tra spunto dalla pubblicazione del secondo volume di una triade molto ambiziosa che mira a interpretare il mondo contemporaneo nel suo insieme e in modo interdisciplinare. Dopo “Cosmo” l’editore Ponte alla Grazie ha da poco pubblicato “Decadenza” , imponente trattato che ipotizza la fine di un’era, quella della civiltà giudaico-cristiana. Civiltà che secondo Onfray è in parte basata su una  finzione e sulla prevaricazione.

Montaggio di Alessio Sturaro.

 

Libri presenti nel catalogo del Sistema bibliotecario ticinese (Sbt) 

Onfray, Michel. Decadenza : vita e morte della civiltà giudaico-cristiana. Milano: Ponte alle Grazie, 2017

Onfray, Michel. Cosmo : un'ontologia materialista. Milano: Ponte alle Grazie, 2015

Onfray, Michel. Saggezza : saper vivere ai piedi di un vulcano. Milano: Ponte alle Grazie, 2019

Altri testi di Michel Onfray in Sbt.

Prima emissione da lunedì 16 a mercoledì 18 ottobre 2018

Brani Brani in onda Come, sorrow, come - Come, sorrow, come. Lied fur Singstimme und Laute - Emma Kirkby; SOL Ore 14:03