Trasporto del cibo donato alla popolazione, Yemen 2021 (Keystone)

Viaggio nello Yemen che muore

un documentario di Laura Silvia Battaglia

Una tregua prolungata e lo scambio di prigionieri non hanno reso lo Yemen, in guerra dal 2015, un Paese pronto per la pace. Con l'inflazione salita al 140%, la crisi del grano ucraino che si ripercuote sul Medio Oriente e il blocco dei beni materiali e umanitari, per 28 su 33 milioni di yemeniti la vita è precipitata sotto il limite della povertà. Anche il cambiamento climatico corrode un Paese duramente provato e ai morti di guerra se n'è aggiunto un altro centinaio nel mese di agosto, causato da catastrofiche alluvioni solo nella città bene mondiale dell'Unesco, Sana'a.

In Yemen, oltre alla bellezza architettonica, è l'infanzia ad essere sotto attacco. Il lavoro minorile e la condizione di indigenza dei bambini sono aumentati esponenzialmente: in Yemen, oggi, chi insegna l'odio ha il potere e si tiene stretto ciò che ha conquistato con la forza. Solo il ritorno a una educazione non violenta potrà erodere ciò che la guerra e l'oscurantismo delle milizie hanno imposto già a tutte le generazioni. Un maestro di scuola l'ha capito e ha fatto di tutto per tracciare un modello virtuoso per la pace che verrà. Questo è il nostro viaggio dal Sud al Nord del Paese, in uno degli stati al mondo più inaccessibili ai giornalisti.

Ora in onda Radiogiornale In onda dalle 13:00
Brani Brani in onda Amico, stammi lontano - Gianni Fierro Ore 12:58