(iStock)

Il coronavirus: la fine dei giornali?

di Brigitte Schwarz e Umberto Gatti

La crisi della carta stampata sembra ormai irreversibile in un momento storico in cui paradossalmente il bisogno di informazioni di qualità è notevolmente aumentato in questo periodo di pandemia. Gli introiti pubblicitari stanno crollando e si assiste a una continua emorragia di copie in favore delle testate online e delle nuove modalità di fruizione offerte dai social media. Le difficoltà, iniziate una decina di anni fa, in seguito agli effetti della recessione globale provocata dalla crisi finanziaria americana, hanno indebolito il mondo della stampa oggi privo di anticorpi e di risorse finanziarie per affrontare la grande recessione del 2020. Quali saranno le conseguenze di questa pandemia, quale scenario ci aspetta? La crisi potrà fungerà da catalizzatore per la trasformazione mediatica o il coronavirus segnerà la fine del giornale cartaceo? Ne discutiamo con gli ospiti di “Moby Dick”: Ferruccio De Bortoli, Lorenzo Erroi, Natasha Fioretti, Enrico Morresi, Paride Pelli.

 

Ora in onda Arabesque - Note in bianco e in nero In onda dalle 17:00
Brani Brani in onda Air A Danser - Penguin Cafe Orchestra Ore 16:59