Dalle tenebre alla luce

di Giovanni Conti

L’Ufficio delle Tenebre – momento caratterizzante la liturgia della Settimana che precede la Pasqua - ha sempre esercitato un grande fascino sui partecipanti alle funzioni religiose ma, soprattutto, in passato ha permesso ai compositori di esercitare il proprio talento. Tra i casi più emblematici troviamo quello dello spagnolo Tomás Luis de Victoria la cui opera musicale, esclusivamente sacra, riflette le molteplici influenze del suo soggiorno a Roma e, nel contempo, risuona della nostalgia della terra natia, Avila. In particolare i suoi "Responsori della Settimana santa" sono pervasi da un’espressività tale da rendere ragione dell’affermazione che vuole De Victoria certamente il più grande polifonista spagnolo se non, aggiungiamo noi, grande ancor più del paludato e "convenzionale" Palestrina. Giovanni Conti ne parla nella puntata odierna anticipando la proposta concertistica de "I Vesperali "che martedi prossimo, 12 aprile, nella cattedrale di Lugano, vedrà protagonista Walter Testolin e il suo Ensemble "De Labyrintho".