Sigismondo il compositore cantante

di Giovanni Conti

Sigismondo D’India, nato a Palermo attorno al 1580 e morto a Modena nel 1629, fu un compositore dalla forte personalità. nella sua produzione polifonica si rifece ai grandi modelli della tradizione italiana e non ignorò gli apporti del nuovo stile monodico. Le sue composizioni, specialmente quelle del I Libro dei madrigali del 1606 e delle Musiche monodiche del 1609, lasciano trasparire tristezza e dolore: i testi poetici che esprimono sentimenti di profonda malinconia lasciano pensare ad una musica scritta non occasionalmente ma espressione di sentimenti personali. Per il cromatismo, i madrigalismi e i salti armonici particolarmente audaci, il suo stile è stato paragonato a quello di Monteverdi e di Gesualdo. Cantante oltre che compositore, dette una grande importanza alla voce di cui dimostrò di avere un'ampia conoscenza, usando gli strumenti con discrezione e dando al senso delle parole una grande importanza. Oggi “Quilisma” gli rende omaggio attraversando la sua produzione di Arie e Lamenti grazie alla voce di Claudine Ansermet e il liuto e la tiorba di Paolo Chierici.