(iStock)

Visite sì ma in solitaria

di Monica Bonetti

Tra le attività di cui il consiglio federale ha autorizzato la riapertura a partire dall’11maggio, ci sono anche musei e gallerie d’arte. Naturalmente nel rispetto di severe norme igieniche e distanziamento fisico che prevedono l’uso di mascherine e gel disinfettante all’interno dei locali, un numero di persone che consenta di restare a due metri di distanza e molti altri accorgimenti.

Per molti sono norme difficili da rispettare e che necessitano di un periodo di adeguamento più lungo, tanto che nella Svizzera italiana non tutti i musei per ora hanno riaperto, rinviando chi a giugno chi dopo l’estate la ripresa di visite e mostre.

Ad essere scosso è l’intero sistema d’arte, ormai globalizzato e interconnesso come ogni altro settore commerciale e industriale. I prestiti per le grandi mostre, la logistica del loro trasporto, ma anche il turismo culturale sono tutti elementi che hanno bisogno di libertà di movimento per funzionare in modo ottimale. "Voci dipinte" ne parla con Tobia Bezzola, direttore del Masi, Lugano, Carole Haensler direttrice di Bellinzona Musei e Nicoletta Ossanna Cavadini direttrice del m.a.x. museo e dello Spazio Officina di Chiasso.

 

 

Ora in onda Radio svizzera classica In onda dalle 1:30
Brani Brani in onda Ballade - Curtis Fuller Ore 1:53