Cura d’anime nelle carceri di Hong Kong - Dal carcere ti scrivo - "Prostituzione non è libertà”

di Gaëlle Courtens, Corinne Zaugg e Luisa Nitti

  • Condividi
  • a A

Cura d’anime nelle carceri di Hong Kong, di Gaëlle Courtens
Tobias Brandner vive a Hong Kong da 25 anni. Pastore riformato svizzero, docente universitario e collaboratore dell’organizzazione protestante di Basilea “Mission 21”, nella megalopoli asiatica da molti anni svolge servizio di cappellania nelle carceri. Tra i detenuti che assiste spiritualmente ci sono anche dei prigionieri politici - studenti, giornalisti, avvocati, attivisti del movimento pro-democrazia - che si oppongono al regime di Pechino. Da novembre il pastore viene affiancato da un supervisore che ha il compito di ascoltare le conversazioni. Una misura che inficia la libertà di religione e di coscienza dei suoi assistiti.

Dal carcere ti scrivo, di Corinne Zaugg
Nasce dall’incontro con persone detenute nel carcere di Bollate (MI) il prezioso percorso che Ida Matrone, volontaria per l’associazione “Incontro e Presenza”, ha voluto raccogliere nel libro “Lettere da un carcere- Racconti e volti di un’amicizia", edizioni Ares. Le mail di Filippo, Rocco, Claudio e degli altri, diventano ora – con la pubblicazione del libro- per tutti occasione di accostarsi al vissuto carcerario, per conoscerlo meglio ma anche per scoprire che, parlando del quotidiano, delle paure e speranze di chi sta scontando una pena, esse parlano alla vita di tutti. Dentro e fuori dal carcere.

"Prostituzione non è libertà”, di Luisa Nitti
In occasione della campagna annuale "16 giorni contro la violenza di genere", la Federazione delle donne evangeliche in Italia (FDEI) ha scelto di occuparsi del tema della prostituzione. Un tema delicato, che ha a che fare con la dignità delle donne. Un opuscolo redatto a più mani, e diffuso in questi giorni, indaga questioni come la tratta degli esseri umani e dello sfruttamento sessuale.