L’eredità di Desmond Tutu, Il punto sulla fase diocesana del sinodo, Preghiera e dialogo ecumenico

di Gaëlle Courtens, Corinne Zaugg e Luisa Nitti

  • Condividi
  • a A

L’eredità di Desmond Tutu, di Gaëlle Courtens
Verità e riconciliazione, speranza e perdono, giustizia e fede: l’eredità dell’arcivescovo anglicano, Premio Nobel per la Pace, tra i protagonisti del processo che ha portato il Sudafrica fuori dal tunnel dell’Apartheid. Morto il 26 dicembre all’età di 90 anni a Città del Capo, lo ricordiamo insieme al teologo valdese Paolo Ricca.

Il punto sulla fase diocesana del sinodo, di Corinne Zaugg
il 31 dicembre è scaduto il termine per l’invio in diocesi, del questionario sul sinodo. Come questa consultazione é stata affrontato dai battezzati della diocesi di Lugano? Ha suscitato interesse, curiosità o l’appello alla compartecipazione giunto direttamente da Roma, non ha smosso gli animi? Ne parliamo, per un primo bilancio, con don Sergio Carettoni e Cristina Vonzun, della commissione diocesana per il sinodo.

Preghiera e dialogo ecumenico, di Luisa Nitti
Si svolge tradizionalmente dal 18 al 25 gennaio, in buona parte del mondo, la Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani. L'edizione di quest'anno è curata dal Consiglio delle chiese cristiane del Medio Oriente, che ha scelto come filo rosso il versetto di Matteo: "In oriente abbiamo visto apparire la sua stella e siamo venuti qui per onorarlo". Parliamo di questa iniziativa con padre Abramo Unal, della Chiesa siro-ortodossa, presidente della Comunità di lavoro delle chiese cristiane in Ticino.