Luci ed ombre del movimento ecumenico - Economia ed ecologia: binomio inscindibile

di Gaëlle Courtens e Corinne Zaugg

  • Scarica puntata
  • Condividi
  • a A

Luci ed ombre del movimento ecumenico, di Gaëlle Courtens
"L'amore di Cristo conduce il mondo alla riconciliazione e all'unità": con questo motto si è svolta a Karlsruhe in Germania l’11. Assemblea del Consiglio ecumenico delle chiese che ha visto lavorare, pregare e camminare insieme più di 700 delegati di 352 chiese, provenienti da 120 paesi, nonché migliaia di visitatori. Numerosi i temi discussi, tra cui la guerra in Ucraina, ma anche la salvaguardia del Creato, i diritti delle popolazioni indigene, il dialogo tra religioni, la lotta al razzismo. Un appuntamento polifonico, che non ha nascosto le difficoltà che sta attraversando il movimento ecumenico globale, testimoniando tuttavia di una forte spinta verso l’unità e l’inclusione. Gaëlle Courtens ha raccolto in loco le voci di diversi delegati e osservatori.

Economia ed ecologia: binomio inscindibile, di Corinne Zaugg
Decine di milioni di migranti climatici in tutto il pianeta, un miliardo di bambini della prossima generazione in Africa per cui non si sa se ci sarà abbastanza cibo e potranno mai ricevere un’istruzione, accesso all’acqua potabile che diventa sempre più difficile per tutti: anche in Europa. Scenari drammatici con cui l'economista francese e gesuita, Gaël Giraud che lavora alla Georgetown University di Washington dove insegna economia e dirige il "Programma per la giustizia ambientale", si confronta tutti i giorni. Da economista e da religioso.