Jean-Claude Eggel sul mare del Nord
Jean-Claude Eggel sul mare del Nord

Jean-Claude Eggel

da Lugano a Göteborg

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Jean-Claude Eggel è uno che non si ferma mai. Partito da Lugano dopo essersi formato come selvicoltore nel 1984, ha girato il mondo con il sacco sulle spalle. Poi ha conosciuto il suo amore ed oltre al sacco ha preso una tenda con cui in tre (l’omore a volte è così, ti moltiplica) ha girato gli Stati Uniti. Visto che l’amore era svedese alla fine è finito in Svezia, dove però non fa il selvicoltore, ma produce 120 mila cioccolatini al giorno… come? Ce lo dice lui.

A un anno esatto dall'ultima chiacchierata ritroviamo Jean-Claude nella nuova sede della sua azienda che produce cioccolatini. Ci racconta di come è andato il trasloco, dei suoi nuovi progetti, dell'inverno che finalmente è arrivato anche in Svezia e delle sue sfide economiche con l'incognita Coronavirus.

Jean-Claude ci racconta come ha vissuto e come sta affrontando il periodo di crisi legato al covid. L’anno scorso tutte le fiere campionarie, sia internazionali sia locali, sono state annullate ma da buon imprenditore e uomo ottimista ha approfittato del tempo a disposizione per rivedere e investire sul design e il packaging dei suoi prodotti e il successo non ha tardato ad arrivare.