Lugano e un inizio di luglio molto impegnativo e trafficato…: cosa vi aspettate dai prossimi giorni?

Con Antonio Bolzani

  • Condividi
  • a A

È un inizio di luglio molto impegnativo per Lugano, con dapprima le moto e gli Swiss Harley Days e poi la conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina: fra misure di sicurezza, zone blindate, divieti e restrizioni, zone rosse e blu, chiusure stradali, inevitabili code e disagi vari per la popolazione, la città e la sua periferia saranno al centro dell’attenzione dei media e di un’opinione pubblica che guarderà molto interessata a cosa scaturirà da un appuntamento geopolitico che vedrà presenti in Ticino le delegazioni di una quarantina di Paesi e una ventina di organismi internazionali. Gli interrogativi sono parecchi: in che modo si potrà parlare di ricostruzione in Ucraina mentre la guerra prosegue con intensità, soprattutto in alcune zone del Paese? Precede la conferenza internazionale, un fine settimana dedicato alle Harley Davidson che sarà inevitabilmente molto rumoroso e movimentato e che riaccenderà quindi il dibattito attorno all’inquinamento acustico e ambientale. Cosa vi aspettate allora dai prossimi intensi e trafficati giorni luganesi?
Dite la vostra, telefonandoci in diretta allo 0848 03 08 08.