(iStock)

Allergie: come evitarle e come curarle

Con Antonio Bolzani

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Primavera, stagione di pollini, di allergie e quindi, anche, di occhi rossi e di nasi che colano. Ma che cos’è e come si sviluppa un’allergia? Chi ne è affetto? Che cosa si può fare? Si possono evitare le allergie? A che età si inizia ad essere allergici? Come vengono trattate le malattie di origine allergica della pelle e delle vie respiratorie? Che differenza c’è tra l’allergia e l’intolleranza? La frequenza delle allergie nei paesi industrializzati viene collegata anche allo stile di vita moderno e alla civilizzazione.

Con la parola allergia o malattia allergica si intende una reazione eccessiva dell’organismo (ipersensibilità) a sostanze estranee di per sé innocue. Queste sostanze, quasi sempre proteine provenienti dai pollini, acari della polvere, animali, alimenti o farmaci, tanto per citare i casi più comuni, sono definite allergeni. Quando una persona allergica entra in contatto con l’allergene, per esempio inalandolo o ingerendolo, il sistema immunitario scatena una reazione difensiva eccessiva che induce i sintomi allergici. Circa il 35 per cento della popolazione svizzera è sensibilizzata agli allergeni e presenta quindi una predisposizione all’allergia. Tra il 20 e il 25 per cento circa ne ha già presentato i sintomi. Queste cifre corrispondono alle esperienze rilevate in altri paesi industriali.

Il rischio di allergie varia secondo i casi: i bambini con genitori o fratelli allergici presentano un rischio maggiore di sviluppare anch’essi reazioni allergiche. Negli ultimi anni e decenni, le allergie in generale sono aumentate molto. I motivi non sono ancora definitivamente chiariti, appare però evidente che l’incremento ha luogo in paesi con uno standard di vita elevato e buone condizioni igieniche. Proprio queste ultime potrebbero però essere una concausa delle allergie: il sistema immunitario viene molto meno sollecitato dai nemici naturali (ma anche da virus e batteri non nocivi) e disimpara a distinguere quali sostanze sono pericolose e quali innocue, reagendo eccessivamente al contatto con proteine di per sé inoffensive.

Partendo dalla premessa che se si evita l’allergene l’allergia sparisce –ma questo vale nei casi di allergie conclamate ed è più facile a dirsi che a farsi- nella consulenza odierna, il dottor Jean Pierre Lantin, medico internista e specialista in immunologia e allergologia, si sofferma sulle cause, sulla prevenzione, sulle terapie e sulle cure delle allergie.

Per saperne di più: aha! Centro Allergie Svizzera