Dalle regole della punteggiatura alle nuove parole dello Zingarelli 2018

Con Antonio Bolzani

martedì 23/01/18 13:00
Zingarelli 2018 Dalle regole della punteggiatura alle nuove parole dello Zingarelli 2018, 23.01.18

La punteggiatura crea dubbi, incertezze e domande: quali sono i segni di punteggiatura in italiano? A cosa servono e, soprattutto, come e quando si usano? Ne parliamo oggi, ricordando che la punteggiatura è la parte della grammatica che regola i segni della scrittura. La punteggiatura è importante perché, oltre a comunicare il senso della frase, ci aiuta a capire meglio il tono con cui leggere il testo. Possiamo intendere la punteggiatura come lo strumento che ci dà il ritmo della frase e ci fornisce le regole di lettura; un po’ come i cartelli stradali che ci indicano come muoverci, a quale velocità, se rallentare o fermarci, e quale strada prendere. Grande spazio dunque alla punteggiatura nella trasmissione odierna; nel sommario vi sono però anche i vostri contributi e le vostre curiosità sull’uso corretto dell’italiano scritto e parlato. Ci soffermiamo anche sullo Zingarelli 2018, ossia su uno dei vocabolari più importanti e più rinomati della lingua italiana che comprende 145 000 voci (anche se nel linguaggio di tutti i giorni si utilizzano dai 5mila ai 7mila vocaboli), oltre 380 000 significati e 115 definizioni d'autore e che, tra l’altro, quest’anno compie cent’anni. Ma come viene creato un dizionario? Chi sceglie le parole nuove da inserire? Con quali criteri? I vocaboli desueti vengono tolti o rimangono nel vocabolario? Andiamo dunque alla scoperta dell’edizione di quest’anno che è arricchita da diverse parole di origine anglofona, ma anche da derivazioni della tecnologia e della politica: da “Brexit”, "Hater", “Influencer” a "Youtuber" e “Spammare” passando per "gufismo", “dietrologismo”, “sviluppismo”, “coparentale” e “tamarrata”. In chiusura con il Prof. Patota, nella sua rubrica “Il Radiobolario”, ci occupiamo della parola “fisico”.

Ospiti:
Gerry Mottis,
docente di italiano alle Scuole Medie di Roveredo Grigioni e scrittore
Prof. Giuseppe Patota,
docente di Linguistica italiana presso l’Università di Siena-Arezzo, accademico corrispondente della Crusca e socio corrispondente dell’Accademia dell’Arcadi
Prof. Mario Cannella
, linguista, lessicografo e curatore del vocabolario Zingarelli 2018

Estate 2018

Seguici con
Correlati
Altre puntate