Firenze e la lingua italiana, tra passato e presente

Con Antonio Bolzani

martedì 04/10/16 13:00

 

Anche oggi nella consulenza linguistica rispondiamo alle moltissime domande che ci sono arrivate e che riguardano quei dubbi linguistici che spesso ci rendono perplessi e titubanti: si dirà così? Come si scrive questa parola? Con i nostri esperti andremo poi dentro e oltre i confini dell’italiano scritto e parlato, alla ricerca di regole, curiosità, spunti, stimoli e modi di dire di una lingua che presenta ed offre un’enorme ed affascinante ricchezza di parole. In sommario anche la varietà del linguaggio pubblicitario e il “Radiobolario” del Prof. Patota che ci porterà a scoprire le grandi famiglie di parole come carattere e città. Daremo inoltre spazio al convegno dell’Accademia della Crusca che nei giorni scorsi ha celebrato la decima edizione della manifestazione “Piazza delle Lingue”, dedicata quest’anno al multilinguismo e alla lingua italiana: il titolo di quest’anno era: Firenze e la lingua italiana. Gli spunti di riflessione non sono certo mancati: quanto grande è la parte di Firenze nella storia linguistica d’Italia? Firenze ha ancora un ruolo decisivo nel definire le tendenze della lingua nazionale? Si può parlare di dialetto, o di italiano regionale, anche per Firenze? Se è il fiorentino di Dante e del fiorino che si è fatto italiano, quali sono oggi le divergenze e le differenze tra l’italiano “standard e senza aggettivi” e quello che si parla a Firenze? Quali sono gli “errori” più comuni dei fiorentini? Il fiorentino e il suo valore aggiunto: quanto incidono sul “toscano” di oggi il cinema, la canzone e la politica, pensando, ad esempio, alle espressioni dei comici toscani e di Matteo Renzi?

Ospiti:
Gerry Mottis
, docente di italiano alle Scuole Medie di Roveredo Grigioni e scrittore
Prof. Giuseppe Patota, docente di Linguistica italiana presso l’Università di Siena-Arezzo. È Accademico corrispondente della Crusca e socio corrispondente dell’Accademia dell’Arcadia
Prof. Paolo D’Achille, docente ordinario di Linguistica italiana all’Università degli Studi di Roma Tre e responsabile del servizio di consulenza linguistica dell'Accademia della Crusca

Un'estate con la RSI

Seguici con