Giovani e indebitamento

di Antonio Bolzani

giovedì 15/05/14 13:00

 

Quando la prevenzione passa dall’educazione finanziaria

Il tema dell’indebitamente dei giovani è stato recentemente rilanciato da un lavoro interdisciplinare svolto dalla Scuola cantonale di commercio (SCC) e dalla Divisione dell'azione sociale e delle famiglie (DASF). Per realizzare questo studio sono stati fatti 4 gruppi di lavoro che hanno affrontato e sviluppato aspetti diversi legati all’indebitamento: il sondaggio tra i giovani adulti, l’analisi macroeconomica dell’indebitamento, l’analisi di tre associazioni attive in Ticino e le campagne di sensibilizzazione dei giovani. Il tranello dell’indebitamento è sempre dietro l’angolo, insomma, soprattutto perché la nostra società dei consumi non incoraggia i giovani a risparmiare. Anzi, chi non resiste alle tentazioni e vive al di sopra dei propri mezzi cade rapidamente nella spirale dell’indebitamento. Spesso i giovani coinvolti non ne vengono fuori neppure dopo diversi anni e chi comincia presto a indebitarsi spesso fa fatica a uscirne. Un tempo ci si rintanava nelle cabine telefoniche per parlare indisturbati con la nuova fidanzata o con l’amico del cuore. Controllare i costi era molto semplice: finita la moneta, conclusa la telefonata. Ma i tempi cambiano e le cabine telefoniche sono pressoché scomparse. La maggior parte dei ragazzi possiedono oggi un cellulare e un computer con i quali non solo comunicano ma effettuano anche acquisti. Per il pagamento non occorre denaro contante, bastano una fattura e una carta di credito, e talvolta neppure quelle. Se un giovane vive al di sopra delle proprie possibilità finanziarie, ci vuol poco a cadere nella spirale dei debiti.

Ospiti:
Sara Mammoli Grignola, collaboratrice della Divisione dell’azione sociale e delle famiglie del DSS
Dani Noris, operatrice sociale di Caritas Ticino
Luca Faillace, giovane studente della 4a della Scuola di commercio di Bellinzona

Ogni giovedì in prima serata, Falò

Seguici con