(tipress)

Prestazioni sociali alle famiglie meno abbienti: gli assegni integrativi e gli assegni di prima infanzia

Con Antonio Bolzani

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Tra i Cantoni svizzeri, il Ticino è tra i più generosi negli aiuti sociali alle persone e alle famiglie in difficoltà. L’ assegno integrativo (AFI) e l’assegno di prima infanzia (API) sono delle prestazioni pecuniarie cantonali destinate alle famiglie meno abbienti; l’assegno integrativo copre il fabbisogno vitale dei figli fino a 15 anni di età degli stessi, mentre l’assegno di prima infanzia copre il fabbisogno vitale dell’intera famiglia se all’interno della stessa vi è almeno un figlio con meno di 3 anni di età. Le condizioni di ottenimento di questi assegni sono quest’anno parzialmente cambiate; l’obiettivo generale delle modifiche è quello di poter continuare a garantire gli aiuti nel settore sociale in un contesto di continuo aumento della spesa in generale, correggendo talune distorsioni del sistema AFI-API. Con questi sussidi, che sono prestazioni di complemento, si intendono sostenere le persone che hanno un legame con il territorio, così come nelle prestazioni complementari per l’AVS e l’AI. Nella consulenza odierna vi spieghiamo cosa e perché il Parlamento ha voluto cambiare, chi è toccato da queste modifiche e quali sono le condizioni per poter richiedere e ottenere gli assegni integrativi e gli assegni di prima infanzia.

Ospite:
Avv. Anna Trisconi Rossetti, capo dell’Ufficio delle prestazioni presso l’Istituto delle assicurazioni sociali