Il volto nascosto del web

Con Elizabeth Camozzi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

C’è un mondo sommerso, un volto oscuro della rete, nel quale ‘galleggiano’ contenuti di ogni sorta. Un mondo che parrebbe non far parte di quello che viene condiviso sui social media; in apparenza però, perché colossi come Facebook o Google procedono costantemente a delle “pulizie” mirate delle immagini inappropriate che gli utenti caricano sulle loro piattaforme. Per questo lavoro esistono non solo dei sistemi automatizzati, ma anche delle persone, invisibili e neglette, che si occupano di visionare migliaia e migliaia di immagini ogni giorno per decretarne l’ammissibilità sui social. Decapitazioni, stupri, violenze contro gli animali, immagini di guerra, suicidi, pornografia e pedopornografica: sono queste le categorie nelle quali rientrano i filmati visionati e giudicati da questi ‘spazzini del web’, con dei prevedibili risvolti sociali e psicologici marcati e deleteri.

Un’inchiesta esclusiva intitolata The Cleaners (diffusa su LA2 Doc lunedì 5 novembre 2018) mostra la vita e la situazione lavorativa di questi uomini e donne, spesso giovani, indigenti e reclutati in Paesi poveri. A partire da questa indagine, riflettiamo sui comportamenti che muovono i grandi colossi del web, sulla censura, sul ruolo dei social media nelle nostre vite e sulla regolamentazione probabilmente ancora troppo lacunosa che vige in materia di internet. 

Ospiti:
Valerio Selle, Produttore RSI per LA2 Doc
Alessandro Trivilini, Responsabile del laboratorio di indagini informatiche forensi, insegnante al Dipartimento Tecnologie innovative della SUPSI
Nicholas Sacchi, psicologo e psicoterapeuta
Eleonora Benecchi, giornalista e docente di Culture Digitali e Social Media Management all’Università della Svizzera Italiana