(iStock)

La Cina oggi, fra tecnologia e controllo (3./3)

Dibattito a cura di Michela Daghini

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Nei giorni in cui la Cina è al centro dell’attenzione per la tensione alle stelle fra Pechino e Washinghton, torniamo a osservare il Dragone nelle sue complessità e contraddizioni. Dalla dimensione sociale, all’innovazione, alla capacità di imporre modelli culturali in Occidente - pensiamo al successo di TikTok, la piattaforma di maggior successo e la più scaricata al mondo nel 2022, in grado di influenzare gli altri social media come Instagram. Una super potenza economica lanciata a velocità supersonica, con un sistema autoritario in grado di usare internet come strumento di propaganda e un modello di “socialismo di mercato” che ha spinto il paese verso investimenti in ricerca, sviluppo, e intelligenza artificiale. Un gigante che sta cercando una via tecnologica nazionale e autosufficiente, dalla super app WeChat, da cui si può fare tutto, alle leggi sulla gestione dei dati, fino alla censura e al controllo. Ed è proprio attraverso questi aspetti che vorremmo leggere parte della complessità cinese, con i nostri ospiti: il giornalista di Chora Media Simone Pieranni, una delle voci più autorevoli sulla Cina contemporanea, autore di libri importanti come Red Mirror e La Cina nuova, e cofondatore a Pechino di China Files, il sito che racconta l’Asia; l’esperto di new media Gabriele Balbi, professore in media studies all’Università della Svizzera italiana e direttore dell'Osservatorio sui media e le comunicazioni in Cina. Tra le sue pubblicazioni sul tema citiamo Media Digitali. La storia, i contesti sociali, le narrazioni, e il recente L’ultima ideologia. Breve storia della rivoluzione digitale.