Ora legale/solare tra evoluzione e misura storica e scientifica del tempo

Con Nicola Colotti

giovedì 04/04/19 11:05
Ora legale/solare Ora legale solare tra evoluzione e misura storica e scientifica del tempo, 04.04.19

L’introduzione dell’ora legale nei giorni scorsi ha riaperto il dibattitto sull’(in)utilità di questa misura temporale e temporanea, che sembra infatti avere gli anni contati. La recente decisione del parlamento europeo di abolire lo spostamento delle lancette in avanti di un’ora in primavera-estate entro il 2021 lascia ai singoli stati la facoltà di decidere come arrivare a un’armonizzazione a cui anche la Svizzera dovrà adattarsi. L’intento è ovviamente quello di evitare di ritrovarsi in Europa divisa tra stati che mantengono l’ora legale e stati che la aboliscono definitivamente, al di là delle diversità dovute ai fusi orari e alle tradizioni. La misura del tempo, sia essa con le ore solari o legali, è dunque una questione relativa e non assoluta in cui convergono elementi storici e scientifici spesso poco noti. Si può allora partire dalle domande all’apparenza più semplici e al contempo più difficili: come e perché misuriamo il tempo nel modo che conosciamo? Perché ci sono 24 ore, ciascuna composta di 60 minuti a loro volta divisi in 60 secondi? Cos’è il secondo e come lo si misura? Non è sempre stato così: nell’antichità le ore venivano scandite dalle meridiane e dalle clessidre, poi vennero gli orologi delle torri e quelli da taschino e in seguito da polso. Fino agli orologi atomici e alle correzioni infinitesimali con i “secondi intercalari”. In tutto questo calcolare preciso ci sono ambiti in cui il tempo rimane la… misura di tutte le cose. A cominciare dalla musica e dalla danza che per loro stessa natura si manifestano nel tempo scandito da misure sempre più precise e metronomiche (e qui tutto ebbe inizio col battito del cuore). Tema affascinante quello della misura del tempo che come dice la saggezza antica ha una sola inalienabile caratteristica: quella di fuggire eternamente.

Ospiti:
Marisa Addomine
, ingegnere esperta di meccanica degli orologi da torre
Marco Cagnotti, fisico divulgatore, direttore della Specola solare di Locarno Monti
Olivier Bosia, musicologo, produttore - redattore musicale Rete Due

Guarda che luna!

Seguici con
Altre puntate